mercoledì 25 aprile 2012

Il ponte aprirà: lavori in chiusura, ma senza pista ciclabile.

Il prossimo 5 maggio è annunciata l'apertura del ponte a scavalco del naviglio in via La Malfa, ormai in fase di completamento.
La data ci è stata comunicata dal responsabile del cantiere, il quale ci ha anche detto che, per non si sa qual motivo, è stata stralciata (eliminata) la costruzione della pista ciclabile che avrebbe dovuto attraversarlo.
Il progetto la prevedeva, ed ora, a lato della carreggiata, no c'è più neanche lo spazio per passare a piedi!
Dopo aver sborsato oltre 130mila euro in più per arrivare al completamento, non lo vediamo realizzato nella sua forma sperata.
I ciclisti, dopo aver percorso parte della strada in corsie protette, si troveranno ad attraversare il Naviglio a raso guard rail, con le auto che gli sfrecceranno al fianco, per riuscire ad imboccare la ciclabile Milano-Pavia che pasa sotto il ponte.
Questo viene comunque già utilizzato dai mezzi API per andare a ricovero nell'inopportuna sede della CRC, azienda di proprietà delle figlie del direttore tecnico di API, nonostante sul territorio API ed il Comune dispongano di ampi spazi per farlo. Sono 174mila euro buttati nel cesso a favore di un'azienda morta, che fattura solo quell'importo: per qualche compensazione???
Prepariamoci comunque a tornare a rilassare la viabilità sulla ex S.S. dei Giovi per il ritrovato passaggio alternativo verso Assago...
Marco Masini

P.S: Il ponte è stato appaltato senza pista ciclabile, in quanto stralciata a seguito del parere negativo della Provincia. Maggiori note nei commenti che seguono.

7 commenti:

  1. bella domanda da fare a Panzarini riguardo la pista ciclabile ma immagino le risposte che di solito fornisce....


    andrea

    RispondiElimina
  2. Ma il tratto di strada incriminato senza pista ciclabile da chi deve essere utilizzato? Non sarà completamente chiusa al tratto veicolare il tratto che costeggia il naviglio pavese? I mezzi di API (o ex API) non enrtrano dalla bretella di collegamento tra Assago e Rozzano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ciclabile Milano-Pavia passa sotto al ponte e non sarà interrotta.
      La stradina a fianco al Burlagiò e che passa vicino alla "chiusa di Leonardo" non sarà più carrabile.
      Mancherà la ciclabile che da via La Malfa dovrà scavalcare il Naviglio, come da progetto.
      I mezzi API (fintanto che non toglieranno l'affitto improprio dello spazio CRC) passeranno dal nuovo ponte.

      Elimina
  3. Mah...obiettivamente faccio fatica a capire l'utilità della ciclabile a cui accenni. Probabilmente servirà assolutamente trovare invece il modo di mettere in sicurezza l'attraversamento pedonale da via LA MALFA verso la ciclabile, attraversamento che si trova molto vicino alla rotonda e quindi molto pericoloso (ne ho avuto prova personalmente più volte correndo....).

    Ma la domanda invece che mi viene è: se API paga l'affitto a CRC per l'utilizzo dello spazio vicino alla chiusa, di chi è il cavallo che da mesi pascola all'interno dell'area? Di qualche dirigente API?Magari sarà un benefit...! Oppure è un mezzo di lavoro ecologico...

    RispondiElimina
  4. A seguito dell'incontro di stamane con l'assessore Gaeta e l'arch. Panzarino, mi è stato riferito che la Provincia ha "rispedito al mittente" l'ipotesi di una pista ciclabile che scavalcasse il naviglio sul ponte appena costruito. Questa era prevista con un'ansa, dopo il ponte, per re-imboccare la ciclabile Milano-Pavia a raso del corso d'acqua.
    Il loro parere, vincolante, è stato quello di utilizzare il "ponte storico" nei pressi della chiusa.
    Per raggiungerlo, dall'attraversamento attuale, occorrerebbe allargare il tratto di pedonale tra quel punto e il ponticello. Il problema è che non vogliono diminuire la carreggiata della ex Statale (di loro competenza), allargando il "marciapiede" esistente.
    Dunque, per il momento, si rimane senza una ciclabile di collegamento tra via La Malfa e la Milano-Pavia.
    Per andare verso Assago si deve passare nella strada sul ponte, di carattere "promiscuo".
    Progetti da proporre e tempi da trascorrere...

    RispondiElimina
  5. oramai la provincia non ci sorprende più dopo le pessime rotatorie e corsie fatte sulla ss pavese

    w de nicola !

    andrea

    RispondiElimina
  6. Abbiamo ricevuto l'invito del Sindaco per l'inaugurazione: il 12 maggio!
    Partecipazione raccomandata...

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.