martedì 16 maggio 2017

CLIENTELE ALLA LUCE DEL SOLE.

Con la delibera della Giunta Comunale n.102/17, vediamo elevare la Clientela a "sistema" incentivato e alla luce del sole.
Una volta lo si faceva di soppiatto, e, ancora oggi, si da quasi ed inevitabilmente per scontato, connaturato al potere politico. Oggi ci viene sbattuto in faccia così, in "completa trasparenza!"
Nella delibera, che è tutto un divertimento a partire dalle premesse ("Premesso che l'amministrazione comunale promuove lo sviluppo sostenibile del territorio", ed ancora "Favorisce la cultura del lavoro ....e l'affermazione di pratiche innovative ...incentiva la stabilità occupazionale e il benessere aziendale", etc etc con una serie di melensi e inapplicati proclami) si concede a Burger King GRATUITAMENTE la sala consiliare al fine di poter procedere alle sue pratiche di "recruiting"  per la selezione di 30 figure da destinare al nuovo ristorante in apertura in via Grandi.
Ma non solo. Nella comunicazione della signora Chiara Arcuri, della società in questione, senza alcun pudore e facendo riferimento all'incontro del giorno precedente, l'11 aprile scorso chiedeva al dirigente Giancarlo Volpe e all'assessore Dario La Guardia la disponibilità della sala consiliare (senza far alcun riferimento ad una gratuità) , ma, cosa scandalosa ed evidentemente oggetto della conversazione, segnalava che "laddove doveste avere dei candidati interessati [...] può inoltrarmi direttamente il loro CV e provvederemo direttamente a convocarli"!
Poniamo seriamente la questione all'assessore La Guardia: perché l'amministrazione dovrebbe interessarsi presso le aziende del territorio per fornire un canale privilegiato ad un "candidato La Guardia" rispetto a quelli spontanei?
Si tratta evidentemente di un sistema clientelare (che conoscevamo già per le aziende partecipate) che viene posto in essere anche in ambito privato.
Sul territorio pensavamo esistesse un ente, AFOL, in grado di provvedere a queste necessità, se proprio si fosse voluto cercare di facilitare i candidati locali. L'assessore, e la signora Arcuri, avrebbero dovuto comunicarsi che, in virtù di quella presenza, al limite, poteva esser realizzata una convenzione con l'ente metropolitano per facilitare la selezione, ma non che l'assessore si facesse portatore di interessi personali o dell'amministrazione....
Poi, oltre a questo, che già basterebbe (e ce n'è d'avanzo!) rimproveriamo alla Giunta il fatto che si continua a chiedere denaro alle associazioni e ai partiti per l'utilizzo della sala consiliare, e non ci si preoccupa di regalarla ai privati i quali, loro si, non avrebbero problemi a pagare quei 50 euro l'ora necessari per la copertura spese.
Un Robin Hood sociale al contrario: vessano il volontariato no profit e premiano il privato profit!
Continua la vergogna senza fine....
RF

11 commenti:

  1. Si dovrebbero vergognare anche chi predica bene (in politica e nel sociale) e poi tra i suoi amici ha spacciatori di droga, assassini, ladri...ah è vero a Rozzano essere pregiudicati attivi è un pregio quindi è quasi inevitabile non essere loro amici e concedergli favoritismi (sarcasmo). Bisognerebbe capire chi cerca l'amicizia, il politico per i voti, o il delinquente per trarne profitto. Forse entrambi? La sala consiliare gratuita è cosa di poco conto al confronto, o forse una conseguenza?

    RispondiElimina
  2. Masini
    ci spieghi lei è contro il lavoro e lo sviluppo commerciale sul territorio??? leggendo il suo pseudo blog parla bene di esselunga che va contro il comune male se il comune ospita nei proprio locali a titolo gratuito un azienda che da precedenza ai residenti??? Ci dica quando dovevano fargli pagare per l'affitto della sala???? pagare il comune in che modo poi giustifica la locazione......ci spieghi....in tutte le aziende private esiste la segnalazione si erudisca....se io sono un imprenditore privato ed ho persone di fiducia o rappresentanti delle istituzioni che mi segnalano delle persone sarà poi l'azienda a decidere se assumerli ....Lei vede il complotto in ogni angolo mi sa che soffre di sindrome del cazzaro......le fake news almeno si impegni a dargli un senso....contro il lavoro contro lo sviluppo solo perchè il pd gestisce il comune che persona triste e di poco spessore...grazie ai privati che hanno investito nel territorio ci sono molti rozzanesi che hanno la fortuna di lavorare vicino a casa .....ma non va bene perchè ci dica...la referenza se non fatta da un stelle o da un altro che soffre di complotto non va bene-????? esca delle stelle scenda nella vita reale se un privato decidere di assumere una persona è lui che si prende in carico la crescita del dipendente o lei ????
    è proprio come dicono a milano un barlafus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuole discutere di politiche del lavoro e sviluppo territoriale, una volta che si sarà palesato, caro commentatore e lacchè dell'amministrazione, non ci saran problemi. Vista la scarsità e pochezza degli argomenti credo che potrebbe esserle problematico. Il Pd, a Rozzano e non solo, sta dimostrandosi del tutto incapace di dare seguito ad alcuno delle questioni poste al centro del dibattito. Solo grida di manzoniana memoria. Gongoli sulle sue parole, perché la (triste) realtà è altra. Ormai parlano le sentenze e i tribunali.

      Elimina
    2. Io da imprenditore non assumerei mai un cittadino solo perché è di Rozzano, metterei a rischio l'azienda e i clienti. Basta guardare il video di un dipendente di un fast food Rozzanese che si vanta di sputare dentro ai panini per rendersi conto che le istituzioni hanno sbagliato a creare "Rozzangeles". Questo evento è cosa da poco confronto a cose ancora più gravi perpetrate dai dipendenti di origine rozzanese.

      Elimina
  3. Ma come si può rispondere ad un poveretto come il signore del precedente commento.... povera Rozzano
    Che si tengano gli amministratori fallimentari (in tutti i sensi) che hanno

    RispondiElimina
  4. imprenditore sul territorio di rozzano???? ci dica il nome della sua azienda così i cittadini rozzanesi sanno che lei è un bel razzista con i residenti nel comune....adesso basta uno pirla che sputa in un panino per dire che tutti i residenti di rozzano non sono degni di un posto di lavoro???
    Più che un imprenditore è un piccolo uomo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo un imprenditore fesso dice il nominativo dopo aver espresso una verità così forte, rischierebbe colla nelle serrature di casa, forature delle gomme dell'auto o forse peggio, furti nell'azienda il tutto con azioni ripetute. Anche un omertoso come lei non assumerei.

      Elimina
    2. lei è un altro imprenditore della cippa???? lei da dell'omertoso e non si firma....veramente un altra mente illuminata razzistello tipico dei vigliacchi che fanno i prepotenti e poi hanno paura di dimostrare il loro razzismo.....se siete così sicuri delle vostre idee firmatevi così sappiamo chi sul territori è un imprenditore omertoso e razzista lei è un 71

      Elimina
  5. Buongiorno Sig.Masini
    vede leggere i commenti sotto i suoi post è veramente triste , un imprenditore (ahahaha già che non assume uno del territorio perchè vede un video delimita la sua capacità mentale )
    In un momento che in paese ha bisogno di lavoro qui si critica un comune per l'utilizzo di uno spazio dei cittadini per un azienda che vuole assumere.
    Allora mi chiedo se gli avessero concesso all'esselunga o al fiordaliso o ai discount presenti sul territorio lo stesso trattamento ci si lamentava lo stesso????.
    Il signore che lei chiama lacchè ..gli ha posto delle domande ma vedo che lei preferisce offendere che rispondere ....stranamente..lei che è stato parte di questo sistema visto che era seduto in consiglio comunale con d'avolio è qui tutti i giorni a parlare male del suo passato...allora ci dica visto che lei era stato eletto ed ha appoggiato il pd in predenza oltre a segnalare non da mai una risposta o una soluzione alternativa???????
    Facile dire a fanno male rubano ecc ecc lei quando era li che cosa ha fatto cosa ha proposto come risolverebbe i problemi????
    Queste sono domande non ingiuire o altro curiosità di un cittadino rozzanese e sarebbe utile una bella risposta ad ogni segnalazione che fa.
    Criticare è lo sport preferito in italia , trovare soluzioni invece è il limite di chi critica .Questo è un giudizio generale su un paese pronto sempre a lamentarsi ma quando c'è da scendere in piazza va al mare.........

    RispondiElimina
  6. vediamo se ha il coraggio di pubblicarlo.....30 nuovi posti di lavoro 4 manager e un direttore ragazzi giovani e di rozzano....in barba ai grandi imprenditori dei nostri cogli......a tutti quelli che si lamentano tanto per lamentarsi dare il sostegno con la politica alla creazione di posti di lavoro non è un reato .....ma per gente che si lamenta e non ha mai creato nulla oltre che a progetti arenati magari potrebbe fare meno chiacchiere e impegnare il tempo ad essere utile per qualche giovane.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe stato bello che Lei avesse avuto il coraggio (!) di firmarsi...
      Il 35,55% della popolazione attiva è dichiarata dipendente nel settore dei servizi (che include il commercio), circa 4800 persone. Nell'industria il 31,88%.
      Complessivamente 13.503 individui, pari al 36,29% del numero complessivo di abitanti del comune di Rozzano ha un'occupazione.
      30 nuovi occupati non spostano nulla, ma il modo di creare occupazione, si.
      Pensare che, con la presenza nel nostro territorio di eccellenze assolute nazionali ed internazionali, si possa celebrare questo successo, beh, lo lasciamo a Lei....

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.