giovedì 26 luglio 2012

CI RIVEDIAMO A SETTEMBRE

Per gravi disagi personali, il blog RF resterà in quiescenza sino a settembre.

mercoledì 11 luglio 2012

PD, il "partito azienda": loro AMA-no Rozzano!

All'incontro del PD di Rozzano, aperto alla cittadinanza, si è potuto riscontrare quello che si immaginava: la "cittadinanza partecipante" era il PD, ovviamente, nelle sue varie articolazioni di "solo militanti" (invero pochi), amministratori o ex amministratori, figli degli uni e degli altri, dipendenti delle società locali.
Il PD è fondamentalmente un "partito azienda", con buona pace di chi si lamentava di Berlusconi che portò in Parlamento i suoi dipendenti: gli uomini Fininvest.
Buona parte del personale politico locale che lavora per l'azienda e collegate o ha un posto in Comune "a chiamata" è passato per le file del partito (in qualche caso anche con tutti i famigli), e coloro che hanno una tessera del PD hanno ottime probabilità d'essere trovati con i parenti in AMA.
Come a dire: una tessera una garanzia.
AMA nacque con un intento "nobile", e bisogna dire che è stata capace dispensatrice di equilibrio: grazie alle ampie maglie determinate dall'assunzione non vincolata a concorso (anche se ormai la Corte dei Conti sta mettendo vincoli anche in questa direzione), e dalla necessità di avere dei fornitori svincolati da bando pubblico, ha accolto sia dalla maggioranza che dall'opposizione, contribuendo così alla duratura stabilità del Consiglio Comunale. L'opposizione è meglio gestita se... cooperante o vincolata.

martedì 10 luglio 2012

Captatio Benevolentiae: il Sindaco pensa d'avere dei cittadini stupidi o incapienti... Riaperti i termini per il Collegio Sindacale di AMA perchè "...lo voglio io, uffa!"

Incredibile! La modalità con la quale vengono acconciati certi documenti nel Comune di Rozzano passa dal presupposto che le decisioni possano esser prese prescindendo dal fatto che deve esistere un controllo o, meglio ancora, una semplice ragione per le stesse.
Il Consiglio Comunale, nell'ultima seduta, si era espresso con votazione segreta sui nominativi per il Collegio Sindacale di AMA, il supremo organo di controllo dei conti, sulla base di alcuni curriculum arrivati entro i termini prescritti dal bando. Interessante, e corretto, l'approccio di Ferretti, capogruppo PdL, che aveva ritenuto di non partecipare al voto in quanto uno dei candidati (non certo in pole position!) era suo fratello. In  tal modo si era arrivati a nominare i Sindaci.
Non fosse mai.... Il Sindaco si vede che aveva dimenticato qualcuno, o che qualche amico si è manifestato oltre i termini. E dunque D'Avolio cosa fa? Impugna il bando e, con la "greve" motivazione "RITENUTO di riaprire i termini per la presentazione delle candidature" (???) chiede nuovamente i CV!!!

lunedì 9 luglio 2012

Raccolta differenziata: Salerno al 68%, Rozzano non arriva al 42%.....

Oltre 1000 comuni in Italia sono stati definiti da Legambiente "Ricicloni", ma tra questi non si annovera Rozzano.
In Italia solo un comune su sette supera il 65% di raccolta differenziata, e la classifica di Legambiente per i Comuni Ricicloni annovera sino al 45mo posto unicamente comuni veneti e trentini.
Solo due comuni capoluogo di Provincia (e con più di 100.000 abitanti) superano la barriera, Salerno, con il 68% e Novara, come a dire che con il giusto impegno e dedizione anche nelle città con un numero di abitanti sopra una certa soglia "psicologica" si possono ottenere grandi risultati.
Minore produzione di rifiuti (-4,4%) è stata anche verificata a monte, vuoi per la crisi che ha ridotto i consumi, vuoi per una maggiore consapevolezza del problema.
Una migliore raccolta differenziata significa una notevole riduzione dell'energia spesa per produrre il packaging e ogni scarto che diventa rifiuto, portando, di conseguenza, anche ad un minore inquinamento.
Risultati degni di nota, che fanno da contraltare alla disastrosa situazione della capitale, dove da mesi assistiamo all'improbabile commedia sul futuro dello "smaltimento" per la chiusura della discarica di Malagrotta.
Rozzano, città di cintura della periferia milanese, non eccelle per risultati: nonostante la raccolta con i cassonetti interrati (che servono più che altro per il decoro stradale, visto che nessuno ha spiegato ai cittadini come comportarsi ed i controlli latitano), non si riesce ad andare oltre il 42%.

Expo2015: Rozzano non se la gioca. Aperti i cantieri a Milano.

Mentre a Rozzano si canta vittoria per un PGT abbastanza rinchiuso su se stesso, a Milano si sono aperti e si sta lavorando (in modo finalmente celere) ai cantieri dell'Expo 2015.
Come è stato già detto, anche Rozzano avrebbe potuto inserirsi nel contesto delle manifestazioni e dei circuiti "privilegiati" per la fiera internazionale, ma la "provincializzazione" della nostra classe dirigente travalica i confini del pensiero illuminato, e, invece di guardare oltre il proprio "giardino" e investire sul futuro, fa lo struzzo, e ficca la testa sotto la sabbia dei Cabassi.
Il tema dell'Expo 2015 sarà "Nutrire il Pianeta, Energia per la vita". Stante i roboanti annunci della costruzione dell'antica campagna, con la ricostruzione dei campi nel Parco Sud, e del progetto di filiera corta per le aree protette nella D3, nulla viene fatto per inserire Rozzano nei centri e nei programmi di fruizione dell'Ente Fiera.
I percorsi "leonardeschi" avrebbero potuto includere la chiusa nei pressi della filatura De Schappe, ma.... ah già, l'abbiamo intonacata per non farla apparire troppo antica...

sabato 7 luglio 2012

L'integrazione c'è, e non per legge.

E' piacevole veder parlare tra loro amichevolmente un'anziana signora italica e una islamica, nei pressi del mercato del sabato.
L'integrazione tra popoli e' un processo ineluttabile che e' sempre esistito e che ha grandemente arricchito l'Europa. Per far si che questo fosse avvenuto non c'e' stato bisogno di leggi o norme, e' nelle cose naturali.
Sara' per la forte componente di immigrazione, sara' per una maggiore sensibilità, ma Rozzano su questo c'e'!
Marco Masini

Casa nel parco: piccoli volumi crescono!

Piccoli volumi crescono....
Nell'area prospicente il Parco 1, nei terreni che furono della Commissionaria Intertrasporti, sta nascendo un "blocco abitativo" (è proprio il caso di chiamarlo così) per il quale si rischia, per l'ennesima volta, di far scempio dello skyline cittadino.
Tre palazzine fronte parco che, invece di accompagnare il declivio verso il terreno, si ergono "imponenti" ad affermare la loro massa all'attenzione dei viandanti delle stradine nel verde. Sarà un approccio poetico, ma la progettazione cittadina deve prevedere una gestione delle "masse" e dei "volumi" sì da dare ordine e piacevolezza alla città ed ai suoi luoghi.
Invece, su questo fronte, a Rozzano siamo sempre a combattere: non fai in tempo a girarti, e ti arriva, in trincea, un... grattacielo da 17 piani a Valleambrosia, dove tipicamente ci sono casette da 4/5 piani....

venerdì 6 luglio 2012

Mattoni rossi addio. Ha vinto (per ora) il cemento!

Quasi completato il deturpamento degli antichi edifici della filanda De Schappe sulla Pavese.
Il grigio cemento, che non sara' "finito" per motivi di costo, avrà avuto il posto dei generosi mattoni; quei mattoni che ricordano un passato di era industriale del nostro territorio.
Nella foto l'ultimo tratto di parete che ancora li mostra, prima d'esser affogati dalla malta....
Speriamo nella Sovrintendenza.
Marco Masini

Buccinasco: Diretta video? Fatto! E' solo questione di volontà. Rozzano, invece, ansima....

Ebbene si, quando c'è la volontà si riesce a fare ciò che i "soloni" rozzanesi caparbiamente negano per motivi economici, di privacy, di cazzabubbole, etc. etc.
Dopo il mio tentativo "casareccio" del 2010 e le richieste di buona parte dei consiglieri intellectus habens, arriva un'altra dimostrazione provata dai vicini di casa di Buccinasco che la diretta streaming del Consiglio Comunale e l'archiviazione dei video delle sedute è fattibile, possibile ed economica....
Rino Pruiti, neo vice Sindaco di Buccinasco, nel suo blog non nasconde il proprio entusiasmo: "Come avevamo promesso in campagna elettorale, adesso tutte le sedute di Consiglio comunale sono online, sia per la diretta Streaming che per una fruizione differita con un archivio consultabile in qualsiasi momento ed a tempo indeterminato, non solo, adesso sarà possibile anche seguire tutti i singoli interventi e utilizzare un motore di ricerca interno per nome, per singola seduta o per argomento".
A Buccinasco c'è stata la volontà politica della nuova maggioranza guidata dal sindaco Maiorano, che ha consentito di dar la stura ad un servizio che era già nel cassetto - ma debitamente infognato - da molto tempo.

....torna il Mangos: a Opera! Sandolo: "Rumore, traffico ed inquinamento: i residenti sono stufi".

Dopo un'esperienza, a dir poco, imbarazzante in quel di Rozzano-Valleambrosia, gli "amici" del Mangos hanno trovato sede a Opera, all'ingresso del Paese dalla Ripamonti.
Facendo il verso al festival latino americano di Assago, replicano le feste calienti nella cittadina operese.
I riscontri dei residenti non sono particolarmente entusiasti.

Come ricordammo nel post relativo al fallimento di Valeambrosia, Oldrini è ancora in pista a tirar le fila.
Traffico, rumore e inquinamento si sono spostati in prossimità della Ripamonti, e le questioni stanno ora assumendo un certo rilievo.
"Per tutta la settimana e sino a tarda notte il rumore della musica crea grandi problemi ai residenti ai piani alti di via Bovet e delle zone limitrofe - riporta il consigliere dei Verdi Augusto Sandolo nella sua interogazione all'Amministrazione operese - tant’è che nella verifica effettuata dallo stesso proprietario della tensostruttura, alla presenza di alcuni residenti, i valori riscontrati risultavano essere ben al di fuori dei limiti consentiti per legge con quale impatto è ben facile comprendere, specie per chi al mattino si deve alzare per andare al lavoro."
Oltre al rumore, i cittadini delle vie limitrofe lamentano anche problemi di accesso all'area.

Gabriele: "La maggioranza non c'è più? Il consiglio non viene più convocato e l'interesse della città calpestato"

Luce mesta sulla città di Rozzano: a causa della maggioranza
in difficoltà non si celebrano consigli comunali....
Raccogliendo il comun sentire di tutti i consiglieri e dei cittadini di buon senso, il consigliere Igino Gabriele, SEL, ha indirizzato alla Presidenza di Giovanni D'Errico, l'ennesimo sollecito a comportarsi da Istituzione Garante ed al di sopra delle parti....
Ecco il testo della comunicazione indirizzato alle massime cariche istituzionali del Comune:
"Egregi Consiglieri,
scrivo a tutti voi per manifestarvi il mio sconcerto per la mancata convocazione delle sedute del Consiglio Comunale.
Ci troviamo di fronte ad una imperdonabile "negligenza".
I temi da trattare, nell'esclusivo interesse dei cittadini rozzanesi, sono innumerevoli e l'elenco dei punti già iscritti all'odg sono decine e risalgono, alcuni, anche a più di dieci mesi fa.
L'aspetto più grave di questo reiterato comportamento è la generale indifferenza a queste pratiche soprattutto da parte di chi - per ruolo istituzionale ricoperto - dovrebbe essere garante delle funzioni proprie del Consiglio Comunale.
Un colpevole asservimento alle esigenze di una maggioranza che non è in grado, sempre più spesso, di avere i numeri necessari per l'apertura delle sedute.
A pagare il prezzo di questa e di altre incapacità è la città.

giovedì 5 luglio 2012

Pubblicato il bando per la vendita delle Farmacie Comunali

L'Amministrazione accelera, e, con il bando per la cessione dell'80% delle quote di Sfera srl, la società di AMA che fu creata non si sa bene a quale scopo, cerca di far cassa.
Con un valore d'asta di 4 milioni di euro, a fronte di un canone annuo di 75mila euro a struttura, si è alla ricerca di farmacisti o società di commercio farmaceutico che - con un fatturato dichiarato minimo gestito di 5 milioni di euro - siano in grado di garantire al Comune quell'ammontare di danaro.
Le farmacie comunali sono in una situazione di assoluta disomogeneità dal punto di vista gestionale, del traffico clienti (determinato dalla geolocalizzazione) e della struttura.
Si va da una situazione di buon livello (come quella della farmacia di fronte al Comune), ad una di scarso e poco raccomandabile investimento.

Mobilità sostenibile: perchè a Firenze si?

Mini Bus elettrico a Firenze
Uno dei temi che nel PGT non ha trovato spazio, se non con titoli roboanti che non hanno contenuto, è quello della MOBILITA', che avremmo voluto declinare in "sostenibile".
Alcuni elementi di intento e di principio erano stati proposti dall'allora capogruppo della lista Rozzano per D'Avolio (io!), dove si faceva esplicito riferimento - contenuto nel PGS, il documento di programmazione strategica della città approvato dal Consiglio Comunale - alla necessità di inserire, almeno per dire che si sarebbe fatto, il PMS, Piano della Mobilità Sostenibile, ed il PDM, Piano della Distribuzione delle Merci.
Documenti di rilievo ed a supporto del classico PUT, Piano Urbano del Traffico, che invece norma solo i flussi, ma senza porre particolare accento sulla modalità con cui essi vengono realizzati. Si parlò anche di un collegamento leggero e poco impattante tra il centro di Rozzano e la metropolitana, ... sparito! 
E' rimasta la proposta dell'estensione della MM2 nella "città nuova" di Cabassi, ma che non sarebbe collegata alla "città vecchia".

Una chicca "santa" per il fotovoltaico a Rozzano (non comunale!)

Anche i santi e le madonne si adeguano ai tempi.
Sulla ex statale dei giovi, nel tabernacolo poco prima della Trifarma, ha fatto la sua comparsa un pannello fotovoltaico per l'alimentazione della lampada votiva.
Quel che non fa Cesare (ovvero il Comune, che continua a scantonare tutte le opportunità per dotare gli edifici pubblici degli impianti fotovoltaici perchè l'ingegnerone Ancora Vito non ha tempo), fa Dio...
Illuminazione sacra a costo zero!
Marco Masini

P.S. Per i cultori della lingua, Tabernaculum, diminutivo di Taberna, cioè dimora.

mercoledì 4 luglio 2012

Distruzione dell'architettura storica: le ultime roccaforti della storia di Rozzano brutalmente deturpate per far posto ad una "indecente apparente decenza".

E' in corso in questi minuti la deturpazione degli edifici storici di proprietà della Trifarma, sulla ex statale dei Giovi all'altezza di via La Malfa.
Per un "vezzo" di "decenza ambientale" il Comune ha dato ordine di procedere alla copertura delle facciate prospicenti la via Pavese con un'orrida stuccatura superficiale (a basso costo, perchè - per i denari - hanno anche rinunciato alla una rete di aggrappo dell'intonaco).
La caratteristica di quegli edifici industriali, che con l'assessore Apuzzo ipotizzammo di destinare - nelle prime fasi del PGT - alla conservazione della memoria storica dell'agricoltura e dell'industria locale (sich!), ovviamente non accolta, era una consistente volumetria inutilizzata con un forte riferimento alle proprie origini e connotazioni.
Le facciate avrebbero dovuto essere preservate: i mattoni puliti e la struttura valorizzata per una adibizione di tipo museale, da realizzare nel tempo e con gli sponsor "giusti" (tra cui, si ipotizzava, la Trifarma stessa, proprietaria dell'immobile).

Un Obolo per il Parco dello Smeraldino

"Stante l'importanza che l'ambiente e la sua salvaguardia costituiscono per l'Amministrazione cittadina, la Giunta di Rozzano ha deliberato di contribuire con ben 1.000 euro (!!!!) al sostentamento dell'associazione A.P.E. che, con sprezzo del pericolo ed arditamente contro il nemico mattone presidia l'area di 22 ettari dall'invasione delle ruspe di API e dai camion betoniera della CMB".
Sembra una declamazione cinematografica del famigerato Istituto Luce di mussoliniana memoria, ma non si tratta di uno scherzo.
L'unica area selvatica a fruizione controllata, che tende a preservare un pezzettino di ambiente naturale nella nostra martoriata cittadina della fascia metropolitana di Milano, e gestita dall'associazione A.P.E. ha ricevuto un obolo di 1.000euro per "contributo/sovvenzione alle spese sostenute dall'associazione per lo svolgimento delle proprie attività". Non è una presa in giro.

Un nuovo Comandante dei Vigili a Rozzano, ed i Sindacati non ci stanno!

E' stato nominato dal Sindaco D'Avolio il nuovo comandante dei Vigili di Rozzano, Antonino Borzumati, ex capo della Polizia Municipale di Cinisello Balsamo (ecco il comunicato del Comune).
Il Sindaco insiste su due temi principalmente:
1 - aumento del controllo del territorio, in cooperazione con la tenenza dei Carabienieri
2 - il rispetto delle regole stabilite dal codice della strada e contrastare le attività illegali.
Sul primo punto, mi vien da dire che non è con un comandante che si controlla meglio il territorio, ma con un adeguato numero di vigili ed una buona organizzazione (e qui Borzumati potrà dare un contributo), supportata da adeguati investimenti.
Mentre sul secondo la domanda sorge spontanea: il codice della strada è cambiato? La Polizia Municipale non si era attivata ancora in merito?

Anche le Poste alimentano la ludopatia

Non bastano le sale giochi, sale scommesse, bar e circoli vari a forzare la mano ai "deboli" e "malati del gioco e del gratta-gratta, adesso anche le Poste Italiane hanno pensato bene di dare un colpo in questa direzione.
Dopo aver introdotto nelle agenzie la vendita di ogni sorta di prodotti e servizi, approfittando della capillare diffusione nazionale che ha costituito per lungo tempo una forte barriera all'ingresso di una concorrenza degna di questo nome (non dimentichiamo che oggi le Poste Italiane sono una Spa in regime, sostanzialmente, di monopolio, alla faccia del mercato e dell'efficienza), si stanno adesso impegnando nella diffusione degli strumenti di tortura della monetine (!): la vendita di "gratta e vinci"....
Oltre alle classiche colpe che potevamo ascrivergli, hanno voluto introdurre anche la circonvenzione di malati... la  ludopatia (malattia da gioco), sta diventando un fenomeno preoccupante.

Il Mc Donald's di Rozzano usato per i nuovi spot di Ronald....

Il ristorante fast-food Mc Donald's di Rozzano, nell'area parcheggio del Fiordaliso, è stato usato per le riprese di un nuovo spot della popolare catene di ristoranti.
Giovedì scorso, Mc Donald's non ha aperto i battenti a causa dell'invasione degli operatori e degli attori che hanno girato le scene per un nuovo spot.
Come sempre, in questi casi, l'agitazione era palpabile. I lavoratori eccitati o imbarazzati, i clienti incuriositi, stupiti o arrabbiati.... perchè non potevano avere il loro panino. Comunque, questi ultimi, sono stati compensati con un buono sconto per comprare il loro pasto in un'altro ristorante prossimo della catena.
Il "cinema" ed il suo mondo fanno sempre un certo effetto!
Marco Masini

Quale automobile per un ambiente non inquinato?

L'auto "verde" che non inquina!
Alcune semplici considerazioni sull'impatto complessivo nel ciclo di vita del prodotto "automobile", portano a concludere che tenere una vecchia auto può non aver più senso (e quindi può essere usata come vaso da fiori). I nuovi e più recenti veicoli, considerando la produzione, il consumo di materiale e la gestione per un chilometraggio medio, sono in grado di avere un impatto complessivo ben oltre il 60% in meno rispetto ai veicoli di qualche ano fa.
Ad esempio, nel caso della Nissan, una March arriva ad avere un impatto sino al 58% inferiore rispetto ad una Elgrand. Chiaramente la cilindrata ed il tipo di auto hanno un impatto significativo. Infatti, se torniamo in Europa, la Volkswagen Golf A3 a benzina rispetto alla Lupo 3L Diesel, produce 20 tonnellate di CO2 in più!!