giovedì 3 novembre 2011

Il Pirata Masini coordinatore nazionale energia e ambiente del nuovo partito

COMUNICATO STAMPA

Rozzano, 2 novembre 2011 - Un partito di ispirazione popolare, con aspirazioni di alto profilo. Questo è il Partito Pirata italiano (www.pirateparty.it) che ha trovato a Rozzano il suo primo rappresentante nelle istituzioni.Si tratta di Marco Masini, consigliere comunale di una delle città più interessanti dal punto di visto sociale ed ambientale dell'area metropolitana, con complicazioni che ne rafforzano l'identità. Coscienza critica della maggioranza di governo e supporter atipico di istanze delle opposizioni, rappresenta sicuramente una figura insolita nel panorama politico nazionale; ambientalista della prima ora (ingegnere nucleare antinuclearista - "conosco bene la tecnologia attuale, dunque la evito"), consigliere nazionale di Amici della Terra, esperto di energia, costruzioni e territorio, è stato indicato quale responsabile nazionale per le politiche energetiche ed ambientali.

"Si tratta di un progetto importante, teso a dare le gambe a quelle persone, movimenti e associazioni che sino ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi hanno inteso rappresentare la rassegnazione e l'indignazione per la politica ed i politici navigati e tradizionali" dichiara Masini. "Ho accolto con piacere la proposta di adesione al Partito Pirata, rappresentando la più importante novità nel panorama politico europeo. Si tratta di portare all'attenzione nazionale tutte quelle attività spesso dichiarate ma mai rese possibili nei fatti che intendono premiare la cultura, l'innovazione, la sostenibilità, il lavoro e la democrazia". Temi questi che hanno accalorato i presenti all'incontro di apertura del partito a Rozzano e che hanno rappresentato un evidente motore per il dibattito, sia a livello nazionale che locale.
Il ruolo di coordinatore nazionale rende pregio e merito alla città di Rozzano che trova in uno dei suoi rappresentanti una concreta affermazione di alcune delle azioni sul fronte energetico ed ambientale che possono costituire un patrimonio da spendere anche per la realizzaizone di una completa e perseguibile politica energetica, che vede ormai l'Italia schiava della tirannia di pochi Paesi che ne determinano le sorti ed il ruolo geopèolitico.
"L'investimento in ricerca e sviluppo nel settore del recupero energetico, delle rinnovabili, dello smart grid e dell'adeguamento del mix delle sorgenti di energia primaria devono trovare interlocutori attendibili, non proni delle multinazionali di Stato e dei loro boiardi che ne hanno determinato la sottomissione economica e politica, e che oggiAggiungi un appuntamento per oggi ci porta a pagare l'energia molto più cara che negli altri paesi europei" conclude Masini.
L'apertura delle danze e la presnetazione del partito è avvenuta in via Mimose a Rozzano, alla presenza del "popolo sovrano", del coordinatore nazionale Marco Marsili e di altre figure dell'esecutivo, che stanno rendendo possibile la crescita del movimento.

Ufficio stampa
http://www.pirateparty.it/

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.